Dettagli dell'immobile

Ampio appartamento in antica filanda Somma - Somma Lombardo

  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma
  • Ampio appartamento in antica filanda Somma

Vendita €155.000,00 trattabili - Plurilocale
2 Bagni1 Garage  Aggiungi ai Preferiti Stampa

Ampio appartamento in antica filanda Somma

Ampio appartamento in antica filanda Somma

A Somma Lombardo, in antica filanda completamente ristrutturata nel 2004, proponiamo in vendita uno spazioso appartamento su due livelli:

-al piano terra, di circa 70 mq, si trovano un ampio soggiorno con angolo cottura, una immensa camera matrimoniale e un bagno finestrato;

-al piano interrato, di circa 75 mq, collegato da una scala interna, si trova una grandissima taverna, divisa in tre grandi locali, oltre ad un secondo spazioso bagno.

La taverna ha un secondo ingresso separato.

L’appartamento ha serramenti con legno e doppi vetri e riscaldamento autonomo.

E’ dotato di due cantine e di un posto auto scoperto di proprietà.

Prezzo Euro 155.000 trattabili.

Classe G Epgl 185,23 kWh/m²a

 

SOMMA LOMBARDO

Somma Lombardo è, dopo quello del capoluogo, il più esteso comune della provincia di Varese; il suo territorio è caratterizzato da vastebrughiere ondulate e da altipiani, un tempo paradiso di cacciatori e cercatori di funghi. La porzione meridionale, più pianeggiante e confinante con la vecchia cascina Malpensa ospita l’omonimo aeroporto intercontinentale che è parte integrante dell’area comunale. Le acque del fiumeTicino bagnano il territorio per oltre 5 km a occidente, tra spiagge sabbiose ed alzaie, con strada asfaltata, percorribile anche con automezzi. Le frazioni di Coarezza e Maddalena si affacciano su ripiani collinari a ridosso del fiume, prestandosi ad itinerari turistici con sentieri ciclabili. La frazione di Case Nuove, fin dalle origini legata alla cascina Malpensa, è oggi inclusa nei servizi aeroportuali. Il quartiere del Lazzaretto, che porta ancora il nome da quando infierì la peste ai tempi di San Carlo Borromeo, è situato nella periferia nord-ovest della città e ospita il Santuario dell’Addolorata. A nord della Strada statale 33 del Sempione si trova il rione di Vira. All’angolo nord-orientale del territorio comunale si collocano invece Mezzana Superiore e Villaggio San Giorgio, una piccola località facente capo a Mezzana.

STORIA

Somma Lombardo fu un importante nodo della via romana chiamata dagli storici Mediolanum – Verbanus, che conduceva da Milano fino adAngera, passando per Sesto Calende. Resti di pavimentazione romana sono stati ritrovati negli scavi del centro commerciale Il Gigante in Via Soragana negli anni ottanta.
I boschi di Somma contengono ancora le vestigia di trincee e piste per aerei costruite in occasione della seconda guerra mondiale. I dintorni di Somma sono ricchi di reperti a testimonianza di una presenza umana sul territorio a partire dall’età del bronzo. A Coarezza e in località Case Nuove sono state rinvenute diverse tombe a cremazione databili al sec. XIII a.C. Risalogono poi all’età del ferro le numerose tombe della cultura di Golasecca, una cittadina confinante con Somma Lombardo, e il cromlech del Vigano, un grande recinto tombale e rituale, costituito da oltre trecento massi. Sempre nella brughiera di Vigano si trova il Sass di biss (Sasso delle bisce), un masso erratico con un complesso di antiche incisioni a coppella singola: è uno dei rari esempi di incisioni rupestri nell’area interessata dalla Civiltà di Golasecca. Nel sec. IV a.C. si insediò la tribù gallica dei Vicani Votodrones, come testimonia una lapide romana, rinvenuta nei pressi della frazione di Mezzana. Numerosi sono i ritrovamenti di utensili d’uso domestico e comune, armi, scudi, venuti alla luce. A lato della via romana (della quale, come detto, è stato scoperto un tratto nell’attuale via Albania dietro al Gigante) sorsero le necropoli più antiche in cui era in uso il rito della cremazione. Dal sec. III d.C. si diffuse il rito della inumazione, come attestano i ritrovamenti di via Binaghi: balsamari in vetro, vasellame, monete, olpi. Nel Medioevo Somma Lombardo dipendeva dalla vicina Arsago Seprio, che fu importante centro politico e amministrativo longobardo, nonché capo pieve. In una lapide murata nella chiesa di San Simpliciano a Milano, datata 881, è riportato il testamento del potente e nobile possidente sommese Guilizione che lasciò a quella chiesa numerosi possedimenti in Somma. Somma Lombardo mantiene la sua forte connotazione viabilistica essendosi sviluppato lungo l’attuale statale 33, del Sempione. L’importanza del luogo nella tarda antichità e nell’alto medioevo è strettamente legata alla presenza di un asse stradale di rilievo, ed è rintracciabile in due fortificazioni, una all’ingresso del paese – il Monte Sordo – e l’altra sul sito dell’attuale Parrocchia (Castelasc). Giungendo da Golasecca, poco prima dell’ingresso in paese sulla sommità del Monte Sordo, si scorgono tra la vegetazione i resti di una fortificazione tardoromana (III-V secolo d.C.), inglobati in un edificio moderno. La scelta di collocare su questa collina un castello era strettamente legata alla posizione di controllo del guado sul torrente Strona che oggi si attraversa su un ponte. Al complesso tardoantico, in età bassomedievale, fece seguito un ricovero per viandanti e pellegrini. Attorno all’anno mille, Somma Lombardo entrò a far parte dei domini dei Visconti. Nel 1448, allorché a Milano fu proclamata la Repubblica Ambrosiana, i Visconti, signori della città, si trasferirono a Somma e riadattarono il poderoso castello medievale che, nel Settecento, passò al ramo dei Visconti-Castelbarco. È di quel periodo la bonifica della brughiera della Malpensata. Nel 1819 il governo austriaco autorizzò l’elezione del primo Consiglio comunale. Con il Regno d’Italia venne eletto Sindaco di Somma Carlo Ermes Visconti. In quegli anni sorsero diverse imprese di filatura e torcitura del cotone, ricamifici, tessiture (Visconti di Modrone, 1875), lanifici (Mosterts, 1867). Nel XX secolo aprirono i battenti lo stabilimento Caproni e il Lanificio di Somma (le famose coperte di Somma). Nel 1927 i fascisti annessero al territorio comunale Mezzana Superiore.

 

CAPOVERSO RELATIVO AL DIRITTO DI MEDIAZIONE

L’incarico di mediazione a Wayhome ed ai suoi agenti immobiliari è attribuito attraverso la sottoscrizione di un documento specifico (incarico), la stipula di un accordo ovvero, in assenza di ciò, con la fruizione dei servizi elencati nelle nostre schede immobiliari, nel sito e nelle relative clausole. Il compenso per la mediazione (provvigione) da corrispondersi da entrambe le parti (Acquirente e Venditore, ovvero Conduttore e Locatore) è pari al 4% più IVA, calcolato sul prezzo di acquisto/vendita dell’immobile, o, in caso di locazione, è pari al 10% più IVA del canone del primo anno di locazione. La provvigione si considera maturata, dovuta ed esigibile al momento della formazione del consenso di acquisto tra Venditore ed Acquirente (ovvero con la sottoscrizione da parte del promittente venditore per accettazione della proposta di acquisto inviata dal promissario acquirente), ossia, in caso di locazione, al momento della accettazione della proposta di locazione da parte del soggetto proprietario dell’immobile (o avente titolo). Wayhome ed i suoi agenti immobiliari hanno pertanto il diritto di richiedere immediatamente il pagamento della provvigione al verificarsi delle circostanze suddette. In caso di compravendita, l’imposta di registro, i costi notarili e le imposte catastali ed ipotecarie sono a carico dell’Acquirente. In caso di locazione, l’imposta di bollo sul contratto (se applicabile) è a carico del Conduttore, l’imposta di registro (se applicabile) è a carico del Locatore e del Conduttore in parti uguali. Wayhome declina qualsiasi responsabilità in ordine alle informazioni riportate nel sito in quanto le stesse provengono dalla parte venditrice/locatrice oppure dai professionisti di fiducia (architetti, geometri, commercialisti, avvocati) incaricati dalla medesima. Wayhome considera veritiere tali informazioni e non assume alcuna responsabilità in ordine all’attualità delle stesse nonché ad eventuali omissioni o inesattezze. Per quanto qui non previsto vigono le disposizioni del Codice Civile italiano.

 

Proprietà simili