Dettagli dell'immobile

Bilocale villa epoca Casorate - Casorate Sempione

  • Bilocale villa epoca Casorate
  • Bilocale villa epoca Casorate
  • Bilocale villa epoca Casorate
  • Bilocale villa epoca Casorate
  • Bilocale villa epoca Casorate
  • Bilocale villa epoca Casorate
  • Bilocale villa epoca Casorate
  • Bilocale villa epoca Casorate
  • Bilocale villa epoca Casorate

Vendita o affitto €110.000,00 - Bilocale
701 Camera da letto1 Bagno1 Garage  Aggiungi ai Preferiti Stampa

Bilocale villa epoca Casorate Sempione.

Bilocale villa epoca Casorate

In prestigiosa villa d’epoca Liberty restaurata ad arte con parco secolare ben curato, proponiamo in vendita appartamento bilocale di mq.70, composto da ingresso, soggiorno con camino e zona notte separata da una quinta, bagno con antibagno, ampia cucina abitabile. Riscaldamento autonomo.

L’immobile è dotato di cantina, autorimessa singola e lavanderia.

Per gli amanti del verde, della tranquillità ma vicino ai principali servizi. L’appartamento e’ nelle immediate vicinanze della stazione di Casorate, a breve distanza dai centri commerciali e da Gallarate.

Possibilità di locazione alla cifra di euro 450,00 al mese arredato.

Classe F  EPgl 172,36 kWh/m²a

 

FESTA DI SAN TITO

A Casorate è ben viva ancor oggi la festa decennale di san Tito (diacono martire), caratterizzata da devozione religiosa e tradizione popolare, celebrata per la prima volta nel 1926 per iniziativa del parroco don Luigi Mariani, figura umanamente singolare per vivacità di pensiero ed azione. Don Mariani volle celebrare in quell’anno una solenne festa per ricordare il XV centenario del martirio di san Tito.

L’entusiasmo per la celebrazione fece sì che per la prima volta l’urna contenente le spoglie del santo fosse portata in processione per le vie del paese che nel tiepido settembre lombardo, si ornarono di fiori di carta colorati e molte luci. Per le vie di allora passarono i cavalli dei carrettieri e delle prime scuderie con palafrenieri e cavalieri vestiti alla maniera romana dell’epoca di san Tito. Si racconta che mentre le reliquie riposte nell’urna appena restaurata risalivano la scalinata della chiesa, un cavallo le seguisse in ginocchio.

Da quell’anno ogni decennio la festa si ripropone in tutta la sua fastosità, trasformata ormai in una campanilistica gara tra rioni. Si protrae per qualche settimana, ricca di manifestazioni sacre e profane, che uniscono attorno al santo credenti e non. Un’altra tradizione è quella di addobbare le vie di fiori ogni rione o via principale ha una specie di fiore.

L’ultima edizione si è festeggiata nel settembre del 2006.

Preparativi

Ancora oggi la festa decennale di san Tito, giunta alla sua nona edizione nel settembre del 2006, è per i cittadini casoratesi motivo di unione, competizione benevola e gioia di stare assieme. Sono sorti, infatti, comitati in ogni rione: attingendo a fonti storiche, a cataloghi, a pubblicazioni e alla creatività individuale, ogni gruppo ha dato vita a progetti di rinnovamento delle proprie vie che prevedono la costruzione di cappelle e di elementi architettonici inseriti in addobbi floreali, arricchiti, alla sera, di nuove suggestioni con lo scintillio delle luminarie. La maggior parte della gente di Casorate Sempione (più di 5000 abitanti) è impegnata già da più di due anni prima del grande evento nei preparativi della festa: fiori, originariamente di carta crespa, ma negli ultimi anni fabbricati con svariati materiali per renderli resistenti alla pioggia (carta sottoposta a trattamento con la cera, nastri da pacco, calze di nylon ritinte e fissate ai fili di ferro, fondi di bottiglie di plastica…); strutture coreografiche di supporto ai fiori; migliaia di lampadine colorate; altari improvvisati per le vie; archi fioriti; cappelle votive; grandi murales, fontane, portali che ricordano le mura delle città medievali. Tutti gli addobbi, fatti a mano con tecniche tramandate di generazione in generazione, adornano muri, tetti, finestre e piazze con fiori diversi per ogni strada, cosicché gli effetti cromatici e scenografici attirino il visitatore in modo diverso ad ogni angolo.

CAPOVERSO RELATIVO AL DIRITTO DI MEDIAZIONE

L’incarico di mediazione a Wayhome ed ai suoi agenti immobiliari è attribuito attraverso la sottoscrizione di un documento specifico (incarico), la stipula di un accordo ovvero, in assenza di ciò, con la fruizione dei servizi elencati nelle nostre schede immobiliari, nel sito e nelle relative clausole. Il compenso per la mediazione (provvigione) da corrispondersi da entrambe le parti (Acquirente e Venditore, ovvero Conduttore e Locatore) è pari al 4% più IVA, calcolato sul prezzo di acquisto/vendita dell’immobile, o, in caso di locazione, è pari al 10% più IVA del canone del primo anno di locazione. La provvigione si considera maturata, dovuta ed esigibile al momento della formazione del consenso di acquisto tra Venditore ed Acquirente (ovvero con la sottoscrizione da parte del promittente venditore per accettazione della proposta di acquisto inviata dal promissario acquirente), ossia, in caso di locazione, al momento della accettazione della proposta di locazione da parte del soggetto proprietario dell’immobile (o avente titolo). Wayhome ed i suoi agenti immobiliari hanno pertanto il diritto di richiedere immediatamente il pagamento della provvigione al verificarsi delle circostanze suddette. In caso di compravendita, l’imposta di registro, i costi notarili e le imposte catastali ed ipotecarie sono a carico dell’Acquirente. In caso di locazione, l’imposta di bollo sul contratto (se applicabile) è a carico del Conduttore, l’imposta di registro (se applicabile) è a carico del Locatore e del Conduttore in parti uguali. Wayhome declina qualsiasi responsabilità in ordine alle informazioni riportate nel sito in quanto le stesse provengono dalla parte venditrice/locatrice oppure dai professionisti di fiducia (architetti, geometri, commercialisti, avvocati) incaricati dalla medesima. Wayhome considera veritiere tali informazioni e non assume alcuna responsabilità in ordine all’attualità delle stesse nonché ad eventuali omissioni o inesattezze. Per quanto qui non previsto vigono le disposizioni del Codice Civile italiano.

 

Proprietà simili