Trilocale nel verde Cardano al Campo

Trilocale nel verde Cardano al Campo
Via al Campo, 92 Cuoricino, Cardano al Campo, Varese, Lombardia, Italia
Vendita €198.500,00 - Trilocale
98 mq commerciali totali 2 Camere da letto 2 Bagni 1 Garage 2008 Anno di costruzione

Trilocale nel verde Cardano al Campo

Trilocale nel verde Cardano al Campo.

In recente e silenzioso residence, in zona residenziale e verde, ma al contempo a brevissima distanza dall’uscita della superstrada della Malpensa, proponiamo in vendita esclusiva un trilocale al primo piano, costituito da ingresso, soggiorno con zona cucina separata con affaccio su un ampio terrazzo, due bagni (uno cieco), due ampie camere da letto (di cui una con secondo balcone). La metratura catastale e’ di 87 mq.

L’immobile, perfettamente tenuto, ha serramenti con doppio vetro e legno, predisposizione aria condizionata e allarme, riscaldamento autonomo, ha eleganti finiture extra capitolato ed e’ in classe B.

Un grande box di  22 mq catastali, che offre spazio ad una macchina e ad una moto, posto al piano seminterrato, completa la proprieta’.

Le  basse spese condominiali ammontano a 630 euro annui.

E’ possibile ritirare l’arredo (con prezzo a parte).

Prezzo euro 198.500,00.

Classe B EPgl 35,6 kWh/mqa

 

CARDANO AL CAMPO

Origini del nome

La denominazione di Cardano è molto controversa e strettamente legata al susseguirsi dalle vicende storiche. Gli studiosi hanno avanzato varie teorie:

  1. cardus, che è una pianta selvatica irta di spine;
  2. kar, cioè pietra o terreno sassoso;
  3. cardo, di derivazione romana, che sottolinea quindi il cardo ed il decumano.

L’aggiunta della specificazione “al Campo” è dovuta ad un decreto regio di Vittorio Emanuele II del 1864, che ordinava questa assimilazione alla parola Cardano, onde evitare problemi di omonimia con altri paesi; l’aggiunta però non fu casuale, poiché al tempo dei Romani nel luogo c’era la presenza di un campo romano.

Storia

Nonostante la vicina Golasecca ed i suoi ritrovamenti preistorici, del Comune abbiamo notizie solo grazie agli accertamenti scientifici ed archeologici che inquadrano il comune lombardo più avanti nel tempo: durante il periodo romano e nell’era tardo imperiale, dunque dopo il II secolo d.C. L’accampamento romano prima, e il piccolo villaggio poi, si dispiegavano su due vie principali che prendono il nome di Cardine e Decumano. Da Cardano al Campo, in epoca romana, passava la via Severiana Augustastrada romana consolare che congiungeva Mediolanum (la moderna Milano) con il Verbannus Lacus (il Lago Verbano, ovvero il Lago Maggiore, e da qui al passo del Sempione (lat. Summo Plano).

I più antichi documenti scritti dove appare il toponimo Cardano risalgono al periodo longobardo. Nel corso del XII secolo il borgo risulta appartenente alla contea del Seprio. In questo periodo si farebbero risalire le origini della famiglia Cardano, che ha tra i suoi maggiori esponenti il sacerdote Milone, divenuto arcivescovo di Milano nel 1187. Questa famiglia e quella dei Castiglioni furono i primi signori del paese. Alla fine del Medioevo Cardano faceva parte del feudo di Gallarate che rimase sotto il dominio del ducato di Milano fino al 1530. Nel 1600 i territori lombardi subirono l’invasione dei Lanzichenecchi e furono teatro degli scontri tra le truppe francesi e spagnole impegnate a combattere la guerra dei Trent’Anni.

Durante il 1630 la popolazione cardanese fu colpita dalla peste. Uno dei luoghi di raccolta e di cura dei malati era nella zona dell’attuale via Lazzaretto ed anche nella chiesa di S. Pietro. In questo periodo l’attività economica era l’agricoltura praticata sia da piccoli proprietari, sia alle dipendenze dei feudatari.

Il secolo successivo fu caratterizzato dal passaggio del feudo di Gallarate dalla famiglia Visconti a quella di Castelbarco, dalle riforme di Maria Teresa d’Austria e da un breve periodo di dominio napoleonico.

Nei primi anni dell’Ottocento la popolazione era formata da 1300 abitanti dediti prevalentemente all’agricoltura, all’allevamento e, in minima parte, impiegati nel settore tessile. Dal 1812 al 1818 gli abitanti furono colpiti da una pestilenza di tifo petecchiale che mise a dura prova le loro già precarie condizioni di vita. Durante il Risorgimento, i patrioti del gallaratese si mostrano molto attivi politicamente, prova ne sono le riunioni clandestine che si svolgevano presso la farmacia di Giuseppe Castelli il cui fratello, Carlo, abitava a Cardano. In questi anni furono proclamati: il primo medico condotto, Gaspare Rigoli, e la prima maestra. La fine di questo secolo vide la nascita di importanti fabbriche tessili (Bonomi, Sironi, Colombo, Villa) che hanno favorito una rapida industrializzazione.

Nel corso dell’ultima guerra mondiale Cardano subì l’occupazione tedesca. Furono requisite le ville lungo le vie Porraneo e Torre per essere trasformate in sedi di servizi militari. I boschi che Cardano possiede nel suo territorio sono stati oggetti di disboscamento negli anni dell’occupazione tedesca per creare l’Aeroporto Militare della Malpensa. Visibili sono ancora tutt’oggi anche nei comuni limitrofi Ferno e Lonate Pozzolo le baracche dei militari tedeschi ed i vari Kommando insieme ad innumerevoli residui bellici visibili, ma lasciati in pessime condizione. Vicino ad esse c’è anche la dogana tra Impero austro-ungarico e Regno di Sardegna.

 

CAPOVERSO RELATIVO AL DIRITTO DI MEDIAZIONE

L’incarico di mediazione a Wayhome ed ai suoi agenti immobiliari è attribuito attraverso la sottoscrizione di un documento specifico (incarico), la stipula di un accordo ovvero, in assenza di ciò, con la fruizione dei servizi elencati nelle nostre schede immobiliari, nel sito e nelle relative clausole. Il compenso per la mediazione (provvigione) da corrispondersi da entrambe le parti (Acquirente e Venditore, ovvero Conduttore e Locatore) è pari al 4% più IVA, calcolato sul prezzo di acquisto/vendita dell’immobile, o, in caso di locazione, è pari al 10% più IVA del canone del primo anno di locazione. La provvigione si considera maturata, dovuta ed esigibile al momento della formazione del consenso di acquisto tra Venditore ed Acquirente (ovvero con la sottoscrizione da parte del promittente venditore per accettazione della proposta di acquisto inviata dal promissario acquirente), ossia, in caso di locazione, al momento della accettazione della proposta di locazione da parte del soggetto proprietario dell’immobile (o avente titolo). Wayhome ed i suoi agenti immobiliari hanno pertanto il diritto di richiedere immediatamente il pagamento della provvigione al verificarsi delle circostanze suddette. In caso di compravendita, l’imposta di registro, i costi notarili e le imposte catastali ed ipotecarie sono a carico dell’Acquirente. In caso di locazione, l’imposta di bollo sul contratto (se applicabile) è a carico del Conduttore, l’imposta di registro (se applicabile) è a carico del Locatore e del Conduttore in parti uguali. Wayhome declina qualsiasi responsabilità in ordine alle informazioni riportate nel sito in quanto le stesse provengono dalla parte venditrice/locatrice oppure dai professionisti di fiducia (architetti, geometri, commercialisti, avvocati) incaricati dalla medesima. Wayhome considera veritiere tali informazioni e non assume alcuna responsabilità in ordine all’attualità delle stesse nonché ad eventuali omissioni o inesattezze. Per quanto qui non previsto vigono le disposizioni del Codice Civile italiano.

Mappa

Proprietà simili

L'ufficio e' aperto esclusivamente previo appuntamento. Non verranno ammessi clienti che non abbiano concordato un incontro. E' consentito l'accesso ad una sola persona per volta, con mascherina e guanti. Per visite agli immobili, scrivere a info@wayhomere.com